Dietro il nostro motto Be Kind, un aiuto ai bambini e poveri di Tanzania

Il motto di BettaKnit è ‘Be Kind.’ Oltre al ‘kindness’ (gentilezza) del knitting che è un dono per chi crea e chi riceva, il concetto dietro queste due parole inglesi invita ad essere più attenti all’altro, condividendo valori e beni con chi è meno fortunato. Come azienda, BettaKnit mette in azione queste due parole attraverso il sostegno di due importanti progetti in Tanzania.

BettaKnit infatti è legata al gruppo missionario Santa Teresa di Prato, grazie al quale vengono cucite e confezionate le nostre borse ‘BettaBag’ ed il compenso di tale lavoro è destinato alla missione Santa Gemma Galgani a Dodoma in Tanzania. Ma non è tutto; BettaKnit ha contribuito anche a una generosa donazione destinata all’orfanatrofio di Kondoa attraverso una coppia di sposi della parrocchia di S. Maria Assunta a Cafaggio che sono stati in visita all’orfanatrofio.

Ospedale e missione Santa Gemma

La missione prende nome da Suor Gemma Mkoondo, medico laureato in medicina e chirurgia all’università di Pisa e che da alcuni anni gestisce un ospedale in uno dei paesi più poveri al mondo, la Tanzania. Una laurea italiana che vale moltissimo in questo paese dove la situazione sanitaria è disastrosa  e dove c’è un medico ogni dodicimila persone. Grazie al coraggio di questa suora sono state salvate migliaia di vite umane.

Inaugurato nel 2004 e fornito di ambulatori medici, sale per terapia e medicazione, stanze ricoveri, sale parto e reparto maternità, l’ospedale dà assistenza a persone in maggior parte povere, che non sono in grado di pagarsi le cure mediche e che si trovano sole ed abbandonate ad affrontare malattie come malaria e l’AIDS. Questo ospedale rappresenta una vera e propria ancora di salvezza per gli abitanti del paese, dove la durata media della vita è di 48 anni e dove il tasso di mortalità infantile è altissimo.

Ma la favola di Suor Gemma non sarebbe così commovente e allo stesso tempo drammatica senza il racconto di un episodio che ci deve far riflettere. Come regalo di laurea, i suoi amici acquistarono un ecografo, unico attualmente in uso nel suo ospedale e con il quale riesce a salvare centinaia di vite umane. Un tesoro dal valore inestimabile che in pochi sanno usare e che viene conservato con la massima cura, purtroppo vecchio che necessita di essere cambiato con un altro macchinario più sofisticato e costoso, destinato a rimanere un miraggio.

Tra le varie battaglie umanitarie, Suor Gemma ha portato con se quella di combattere la trasmissione dell’AIDS dalla madre al figlio che nei paesi africani si aggira intorno al 40-50%, una vera e propria tragedia che potrebbe essere impedita tramite la somministrazione di farmaci o altri interventi preventivi, ma in Tanzania manca tutto, dall’acqua alla luce… quindi ogni aiuto è una manna dal cielo.

Un aiuto dall’Italia

Molte le associazioni e le parrocchie che hanno contribuito e contribuiscono tuttora ad aiutare l’ospedale Santa Gemma in assistenza economica e materiale; tra queste la Parrocchia di S. Maria Assunta a Cafaggio-Prato che ha iniziato a raccogliere adesioni per l’adozione a distanza di bambini e il Rotary club di Prato che ha donato due generatori di corrente.

Diversi sono i progetti realizzati, in corso e quelli futuri; in questo anno è stato realizzato un forno per il pane, che fortunatamente sta operando con buona funzionalità, per sostenere la missione e l’ospedale in quanto lo stato della Tanzania non fornisce contributi; tuttavia l’ospedale ha necessità di essere completato e soprattutto ha bisogno di quelle risorse necessarie per continuare ad erogare quantomeno i servizi finora assicurati alla popolazione locale e questo è possibile solo attraverso il sostegno al completamento e il supporto al funzionamento del Santa Gemma Hospital.

 

BettaKnit continuerà a dare il suo sostegno a questo progetto, e voi attraverso i vostri acquisti sul nostro sito potrete dare una mano. Se invece volete partecipare in modo più diretto ti invitiamo a guardare il sito www.ospedalesantagemmatanzania.org


View Larger Map

This post is also available in: Inglese